• Young Adults 2018

    Soggiorno culturale 2018 Pordenone
  • 41° Incontro corregionali

    Pordenone 28 e 29 luglio 2018
  • Stati Generali dei corregionali

    Trieste - ottobre 2015
prev next

A Monte Belo do Sul un pezzo di patria pordenonese: l’Efasce tra i vigneti di Gonçalves



13 montebelo2Nell’ambito dell’incontro dei giovani corregionali del Sud America che hanno partecipato negli anni al progetto Young Adults, la delegazione dell’EFASCE è stata invitata a visitare la zona dei vigneti di Bento Gonçalves e in particolare il Comune di Monte Belo do Sul che fu colonizzato da emigranti italiani a partire dal 1877. Il gruppo principale era costituito da friulani insieme a veneti e lombardi. Si estende su territorio di 70 km quadrati con una popolazione di 2700 abitanti. La maggior fonte di reddito è basata sulla produzione di uva, con la più alta produzione pro capite dell America latina, circa 50.000 tonnellate prodotti su 2.270 ettari e con la maggior produzione di uva bianca dello stato di Rio Grande do Sur. Il coordinatore EFASCE del Brasile, Argel Rigo, e il vice presidente di Monte Belo, Leonil Rasador, hanno organizzato un incontro con il sindaco della città, Adenir Dallé il quale ha presentato la situazione economica del territorio e ha illustrato i progetti futuri volti allo sviluppo turistico basato sull’agriturismo. Come peraltro avviene sempre 13 montebelo1di più in Italia, anche in Brasile, nello stato di Rio Grande do Sul, si è alla ricerca di nuove occasioni di attrattiva turistica utilizzando i prodotti del territorio a partire dai vini, tra i più pregiati del Brasile, ma non solo. Il sindaco ha voluto infatti mostrare al gruppo alcune tra le realtà artigianali più interessanti dell’area, gestite da discendenti dei nostri corregionali come il laboratorio di Lucila Viel che produce pasta fresca fatta in casa su ordinazione e la piccola azienda della famiglia Lovisa che confeziona e commercializza salumi, vini e conserve alimentari con i prodotti della sua terra. Dopo 150 anni, qui le tradizioni e la lingua sono ancora vive e vengono tramandate rigorosamente alle nuove generazioni. Un pordenonese in visita non si sente estraneo all’ambiente, grazie alla lingua e a una gastronomia artigianale del tutto simile a quella regionale.
facebook2  twitter2  google plus3  youtube

Design by Michele Stefanato